Non è stata certo una delle migliori versioni dell’Eco Program quella che esce dal Pala Martini con due punti soffertissimi quanto importanti, visto che permettono alle giocatrici di Pozzi di continuare a mantenere il quarto posto in classifica; merito, della sofferenza castelnovese, è sicuramente della buonissima prova della squadra di casa che a lungo ha cullato il sogno del colpaccio arrendendosi solo nei 5′ finali quando Tay Madonna ha letteralmente preso per mano le compagne trascinandole ad un successo fino a quel momento insperato e, onestamente, neppure troppo meritato. Giraffe sottotono per quasi tutta la partita, specie in fase difensiva, dove hanno concesso troppo sia in termini di costruzione del gioco e dei tiri sia per le doppie ed a volte triple opportunità (ben 14 i rimbalzi offensivi alla fine) concesse alle avversarie, apparse più determinate e ‘cattive’ delle ospiti. Partenza non certo scoppiettante con tanti errori da ambo le parti ma è comunque Albino che si fa preferire provando a scappare via (11-5) con il Bcc che trova punti dalla sola Katshitshi e da un libero di Colli; Pozzi è costretto al time out che sembra portare buoni frutti visto che Ljubenovic, con 5 punti consecutivi, ricuce lo strappo, e poi Madonna, dall’arco, inaugura il suo personale show portando avanti le ospiti (13-11) alla prima sirena. Il Fassi però è più vivo che mai ed alla ripresa è subito 7-0 interno (17-13) con Giacomelli che dai 6,75, per fortuna, frena il nuovo mini break delle locali; la formazione di Stibiel è però ben dentro la partita e appoggiandosi a Silva e Joseph riprova a staccarsi (22-16) venendo questa volta murata da Corradini e Katshitshi (22-20) e con Borghi che, gettata nella mischia, dall’arco riporta avanti il Bcc (23-22). Le castelnovesi sembrano sentire il momento, sfruttano il buon impatto della zona 2-3 e  con Giacomelli e Katshitshi provano ad allungare (27-22) arrivando poi al massimo vantaggio (31-24) con il secondo tracciante di Borghi; le padrone di casa, con Joseph e Valente gravate entrambe di 3 falli, però non ci stanno e nonostante i viaggi in lunetta di Katshitshi e Ljubenovic pian piano si rifanno sotto andando al riposo con un -2 (32-34) che restituisce loro un po’ dell’inerzia che sembrava improvvisamente smarrita. Al giro di boa castelnovesi più o meno in media riguardo al rendimento in attacco, meno per quanto concerne la difesa che non è sembrata impeccabile anche in considerazione del fatto che Albino non è quasi mai stata, in questo campionato, squadra dal grandissimo potenziale offensivo. L’avvio, dopo l’intervallo, è da choc per l’Eco Program che subisce un 8-0 all’interno del quale entrano pure il secondo, terzo e quarto fallo di Katshitshi, costretta così a tornare mestamente in panchina; Madonna e Colli provano a fermare l’emorragia dalla lunetta (50-47) ma Albino è ‘in the zone’ e nonostante un altro siluro di Madonna ed un jump di Rosso scappa via toccando addirittura, per la prima volta, la doppia cifra (52-42 al 29′) con Ljubenovic e Katshitshi (rigettata nella mischia nonostante le 4 penalità) che dalla linea della carità riportano il distacco sotto le 10 lunghezze al 30′ (54-46). Il merito delle giraffe è quello di non mollare mai e la tripla di Madonna che apre i 10′ finali è la lampante dimostrazione che il match è tutt’altro che chiuso; il Fassi però pare avere ancora benzina da spendere replicando puntualmente ai successivi canestri di Katshitshi e Giacomelli anche perché la uomo castelnovese, così come la box and one su Bonvecchio tentata in precedenza, non risulta granchè efficace. Devicenzi, dalla media, firma nuovamente il +7 (60-53) quando mancano ancora più di 5′ al termine ma questo risulterà, a giochi fatti, il canto del cigno delle bergamasche che da quel momento non troveranno più il fondo della retina, anche per merito della salvifica zona fronte pari del Bcc che mette più di un granello di sabbia negli ingranaggi del Fassi, ; dall’altra parte, invece, sale nuovamente in cattedra Madonna che con due bombe consecutive, intervallate da un appoggio di Katshitshi, firma il parziale di 8-0 (61-60 a -3′ e 30″) che rivolta come un calzino l’inerzia della partita, ora tutta nelle mani di Algeri e compagne. E non è finita perché è ancora il play-guardia ex Vicenza a colpire dai 6,75 per il 64-60 del 38′ che è una botta terribile per il morale delle padrone di casa che, dal canto loro, oltre al contraccolpo psicologico per il sorpasso, cominciano anche a pagare il tributo alla fatica, fallendo un paio di canestri da sotto non proprio impossibili; Albino a quel punto deve ricorrere al fallo sistematico e Madonna e Katshitshi mettono i liberi della staffa consegnando all’Eco una vittoria che solo 10′ prima sembrava una pura chimera. Di positivo, oltre al risultato (10 sigillo nelle ultime 11 gare peraltro), il carattere e la determinazione delle giraffe che però, rispetto ad altre gare, non solo sono andate molto a corrente alternata, ma hanno anche difettato, parecchio, di intensità in difesa mentre, in attacco, si sono affidate quasi esclusivamente alle giocate delle singole (Madonna e Katshitshi su tutte). E’ certamente buon segno avere conquistato i due punti nonostante una prestazione in cui la squadra ha mostrato più ombre che luci ed in cui, con tutta probabilità, era stata la formazione di casa a meritare il successo, perlomeno nei primi 35′; Albino si può consolare, non sappiamo se la ritengano o meno una magra consolazione, con il fatto di aver dimostrato che i progressi degli ultimi mesi sono reali e che continuando a giocare in questo modo le soddisfazioni non mancheranno. Vittoria che sancisce matematicamente, oltretutto, e con ben 8 turni di anticipo, la qualificazione del Bcc ai playoff promozione; difficile, invece, in questo momento, capire quale potrà essere la posizione nel ranking visto che la lotta per il quarto posto, attualmente ad appannaggio dell’Eco Program, vede ben 4 formazioni racchiuse in soli 4 punti. Ma questo è il film che andrà in scena nelle prossime otto puntate, e se è vero che l’ambizione è quella di migliorarsi sempre e di non porsi limiti è altrettanto vero che il risultato, comunque, può essere in parte già scritto perché, settimana dopo settimana, le ragazze ed i loro coaches hanno già costruito un vero e proprio miracolo; fare meglio si può, sempre, ma, comunque vada, Chapeau Giraffe !!!

Fassi Edelweiss Albino – Eco Program Bc Castelnuovo Scrivia 60-68 (11-13, 32-34, 54-46)

Fassi: Laube 2, Birolini, Silva 15, Panseri 2, Bonvecchio 7, Devicenzi 8, Lussana 8, Joseph 12, Valente 6, Marulli, Pintossi, Peracchi. All. Stibiel, v.all. Villa

Eco Program: Repetto, Corradini 2, Rosso 2, Katshitshi 17, Madonna 22, Vitari, Algeri, Borghi 6, Colli 3, Giangrasso, Ljubenovic 8, Giacomelli 8. All. Pozzi, v.all. D’Affuso

Qui le statistiche della legabasket

sito

Serie A2: Eco Program, Tay serena !!