Bella vittoria casalinga per l’Autosped che torna a fare punti dopo il ko di Vicenza nonostante la conclamata emergenza continui a decimare la rosa a disposizione di Pozzi; come nell’ultima trasferta sul parquet della VelcoFin anche in questa occasione la squadra non ha potuto contare sull’apporto di capitan Corradini (il suo rientro dovrebbe essere fissato per la gara di Ponzano) e Pieropan, ferma ai box nonostante l’ok dello staff medico a causa del problema al collaterale che da un paio di settimane la attanaglia; e se Salvini viene tenuta prudenzialmente a riposo in avvio a causa di una microfrattura da stress e Claudia Colli, invece, deve alzare bandiera bianca a 5′ dalla sirena a causa di un infortunio al piede che speriamo non si riveli nulla di serio anche tra le giovani Serpellini deve dare forfait per infortunio mentre Carolina Colli non è al meglio per una caviglia uscita malconcia dall’allenamento del venerdì. Successo più che meritato per le nostre giocatrici che hanno condotto il match per la gran parte del tempo, se si eccettuano alcune battute a cavallo dei quarti centrali, mostrando grande solidità mentale nel momento in cui il recupero delle milanesi sembrava aver girato la sfida a favore della formazione di Cesari. In avvio Pozzi sceglie un quintetto inedito con Repetto, Martelliano, Canova, Claudia Colli e Stoiedin che si oppone a quello, abituale, delle avversarie (Diotti, Gambarini, Maffenini, Albano e Molnar); dopo lo 0-2 di  Albano sono Stoiedin e Canova, da sotto e dalla lunetta, a firmare il sorpasso (6-2), sintomo di un approccio positivo alla sfida. Claudia Colli e Repetto, con due triple, portano il Bcc a doppiare Carugate (12-6) mentre, poco dopo, sono ancora i canestri di Canova e Stoiedin a procurare alle padrone di casa il massimo vantaggio (16-8); ospiti che fatturano molto dalla linea della carità ma le percentuali dell’Autosped sono eccellenti e così Claudia Colli e Martelliano (bomba) tengono a distanza le avversarie con Salvini a fissare, con due liberi, il 23-16 del 10′. Si riparte ancora nel segno del duo Stoiedin-Canova, con la romena a segnare dalla lunetta e con l’ala milanese a colpire dai 6,75  valicando così la soglia psicologica della doppia cifra (28-16); quando la partita sembra prendere decisamente la strada della squadra di casa arriva però la reazione, prepotente, delle ospiti che, trascinate da Maffenini, nei successivi 6′ confezionano un pesantissimo 15-2 (di Claudia Colli il canestro castelnovese) che porta le milanesi, che perdono momentaneamente Molnar per un guaio alla caviglia, addirittura al sorpasso (32-30). Salvini, con due liberi, ristabilisce la parità ma prima della sosta c’è ancora tempo per assistere ad un’altra magia di Maffenini che chiude il quarto con un reverse da sotto che manda Carugate negli spogliatoi sul +2 (34-32). La rimonta subita può aver minato le sicurezze delle giraffe ed in effetti il rientro in campo dopo l’intervallo non sembra foriero di buoni auspici per le nostre ragazze; un paio di banali palle perse ed un canestro ospite costringono Pozzi all’immediato time out per strigliare le proprie giocatrici che rispondono, questa volta, subito presente. Salvini, due volte da sotto, e Martelliano, tripla, siglano subito il sorpasso (39-36) mentre è Carolina Colli a replicare al 4-0 esterno riportando ancora avanti il Bcc (41-40); sono ancora Claudia Colli, in contropiede dopo un bel recupero, e Canova, con un siluro dall’angolo, a tenere avanti l’Autosped ma il Carosello non molla, restando sempre in scia, con Salvini che dalla lunetta permette alla compagine di casa di entrare nei 10′ finali con un +2 (48-46) che lascia ancora aperta ogni soluzione. La frazione finale si apre nel segno delle lunghe locali con Stoiedin (4 punti) e Carolina Colli (2) a fatturare il 6-0 che porta al +8 interno quando mancano 7′ al termine (54-46); è ancora la giovane ala-pivot pavese a replicare al jump di Maffenini mentre la romena, da sotto, scrive il +10 (58-48) a 4′ dalla sirena. Stoiedin (altra prova positiva per la comunitaria, con una doppia doppia da 14 punti e 11 rimbalzi, imitata da Salvini, 12 e 10) respinge, sempre da sotto, il 3-0 con cui Carugate prova a farsi pericolosa ed i liberi di Salvini del nuovo +9 (62-53) del 39′ sembrano far scorrere definitivamente i titoli di coda e neppure il 4-0 del Carosello, ultimo sussulto delle ospiti, riesce a spaventare l’Autosped che chiude in gloria con i liberi di Repetto e Canova (anche lei a quota 14 punti) festeggiando, oltre ai due punti, anche l’esordio in A2 di un’altra giovane giraffa, Bouchefra. Vittoria assolutamente legittima ed importante, giunta oltretutto anche attraverso l’impiego di tutte le under a disposizione, alcune delle quali con minutaggi robusti (Repetto sul parquet per oltre 25′, Carolina Colli 18′, Quintiero 5′). Vittoria, come detto nel titolo, del cuore ma anche della testa perché nel momento di massima difficoltà sono servite entrambe; il primo per stringere i denti di fronte al prepotente ritorno delle ospiti, la seconda per mantenere nervi saldi e tornare, gradualmente a riprendere il controllo della sfida, senza praticamente più lasciarlo. Giustissimo, quindi, il caldo e convinto applauso che ha salutato, al termine, l’uscita dal campo delle giocatrici di casa, autrici di una prova nel complesso convincente, ancora di più se si considerano le assenze ed i problemi fisici assortiti; oltretutto Carugate era segnalata in ottime condizioni di forma (4 vittorie nelle ultime 6 gare) e cercava i due punti per continuare la rincorsa all’ottava piazza che significa, in soldoni, accesso ai playoff. Per l’Autosped due punti che fanno classifica (respinto, per il momento, il tentativo di aggancio da parte di Udine) e morale visto che un’eventuale ko, in una così difficile situazione di organico, avrebbe potuto avere ripercussioni negative dal lato psicologico: Chapeau Giraffe !!!

Autosped Bc Castelnuovo Scrivia – Carosello Carugate 65 – 57 (23-16, 32-34, 48-46)
Autosped: Canova 14, Repetto 4, Corradini, Martelliano 6, Ca. Colli 6, Cl. Colli 9, Quintiero, Salvini 12, Stoiedin 14, Pieropan, Francia, Bouchefra. All. Pozzi, v.all. Maresca

Carosello Carugate: Giulietti 3, Michelini, Diotti 4, Molnar 4, Possali, Maffenini 15, Gambarini 5, Fossati, Colombo 5, Albano 21. All. Cesari, v.all. Mazzetto

QUESTE le statistiche della gara a cura di Legabasket femminile.

PH:Marco Brioschi

sit

Serie A2: il cuore dell’Autosped manda a nanna il Carosello