Vittoria piuttosto agevole per l’Eco Program che ‘bagna’ il 2018 conquistando altri due punti contro il Sistema Rosa Pordenone e raggiungendo così quota 18 punti in classifica; ancora una prestazione solida per la formazione di Pozzi che ha ipotecato il successo grazie a due quarti, i primi, praticamente perfetti in fase offensiva, tanto da consentire alle giraffe di conquistare un margine di vantaggio tale da poter essere amministrato con relativa tranquillità nei 20′ successivi. Si parte con qualche sorpresa, su ambo i lati; tra le ospiti mancano Madera e Meldere, assenze che rendono molto più leggero le trivenete sotto canestro mentre tra le padrone di casa Ljubenovic accusa un problema al ginocchio (figlio di un guaio avvenuto in allenamento) e viene tenuta prudenzialmente a riposo così come Borghi, anch’essa out per un infortunio di natura simile a quello della lunga slovena; un bel jump di capitan Zecchin apre le danze ma a stretto giro di posta arriva la replica, dai 6,75, di Rosso e Madonna, ben imbeccate da Corradini (ben 9 gli assiste messi a referto dal play reggiano). Anche Kathsitshi, con 4 punti consecutivi, si iscrive al match e quando Colli, anche lei dall’arco, e Madonna, in contropiede dopo una rubata, firmano il 15-4 coach Bonivento è costretto a chiamare time out. Il Bcc continua a produrre buone trame nella metà campo avversaria, grazie anche a Colli ed a Giangrasso e con Katshitshi (10 punti in 10′) che resta un rebus irrisolvibile per Stangherlin; il Sistema però resta in linea di galleggiamento grazie a Maniero che, partita dalla panchina, in un amen segna 11 punti (con 3 bombe) e così il -7 con cui chiude la prima frazione (25-18) è distacco tutto sommato accettabile viste le premesse. Il coach di casa mischia le carte operando ampie rotazioni e trovando da tutte le giocatrici risposte importanti; Vitari (nove punti nel quarto) lancia il nuovo tentativo di fuga delle giraffe, corroborato dalle iniziative di Madonna, Giangrasso, Giacomelli e Colli. Zecchin, dall’arco, prova a frenare l’emorragia ma tre siluri quasi consecutivi di Rosso, intervallati da un appoggio di Katshitshi, suggellano l’allungo, che si rivelerà definitivo, delle locali (53-29 al 20′). Si riparte, dopo l’intervallo, con la sensazione che difficilmente le ospiti potranno rimettere in piedi una situazione che pare difficilmente raddrizzabile visto che Katshitshi, da sotto, firma subito il massimo vantaggio (+26, 55-29); Pordenone però non molla ed anzi piazza un 9-0 che costringe la panchina dell’Eco Program a chiamare time out. Due triple (Madonna e Rosso) riallargano la forbice ma il Sistema è in fiducia e nonostante i canestri di Colli e Rosso riesce a riportare il divario a dimensioni meno ampie anche se alla penultima sirena resta ancora oltre la doppia cifra (66-53). Ed infatti Pordenone non riuscirà mai a scendere al di sotto delle 10 lunghezze anche perché Giacomelli, con 7 punti filati, propizia un nuovo allungo interno con Katshitshi e Madonna a far scorrere i titoli di coda con 5′ di anticipo (77-57 al 35′); dopo il +21 (79-58) griffato Giangrasso le padrone di casa tirano, inevitabilmente, i remi in barca ed a quel punto le ragazze di Bonivento ne approfittano per limare un pochino lo scarto fino al -13 del 40′. Pronostico rispettato, quindi, ma era importante anche il modo in cui potevano arrivare i due punti e la risposta del campo è stata sicuramente confortante aldilà dei cali di tensione che però era quasi fisiologico si presentassero, visto l’ampio margine messo da parte nei primi 20′; non era così scontato, in primis perchè questo campionato, finora, ha dimostrato che non è mai semplice vincere ed in secondo luogo perché la sosta per la pausa natalizia portava in sé il rischio di togliere il ritmo partita alle nostre. Terza vittoria consecutiva per le giraffe che chiuderanno l’andata domenica prossima con la difficilissima trasferta sul campo di Vicenza; per un momento, questa sera, si era aperta per l’Eco anche una piccola finestra verso le final four di Coppa Italia ma i successi, seppur sofferti, di Crema e Udine rendono questo traguardo praticamente irraggiungibile. Resta però il fatto che il girone di andata del Bcc, ad una giornata dalla fine, sia stato più che positivo anche in considerazione della lunga assenza di Corradini, ora sempre più vicina al completo recupero; la sua presenza è sicuramente un atout importante per il duo Pozzi-D’Affuso ed in effetti il suo rientro ha già sortito importanti e benefici effetti. Non è però ancora tempo di bilanci, peraltro, ma sempre e comunque è il momento per dire: Chapeau Giraffe !!

Eco Program Bc Castelnuovo Scrivia – G&G International Sistema Rosa Pordenone 79-66 (25-18, 53-29, 66-53)

Eco Program: Repetto, Corradini, Rosso 17, Katshitshi 16, Madonna 12, Votari 9, Algeri, Colli 10, Giangrasso 6, Serpellini, Ljubenovic, Giacomelli 9. All. Pozzi, v. all D’Affuso

Sistema Pn: Maniero 13, Lunaschi, Togliani 13, Grattini 2, Leonardi 3, Crovato 6, Smorto 10, Zecchin 6, Recanati 5, Stangherlin 8. All. Bonivento, v.all. Da Preda

Qui le statistiche della gara

tay

Serie A2: l’Eco Program Sistema Pordenone